Prove di primavera. Risotto alle viole

IMG_2587

Sabato mattina sono andata a cogliere le viole. Sapevo che il tempo sarebbe peggiorato e avevo assoluto bisogno di assaporare il primo soffio di primavera. L’aria tiepida, il prato fiorito, le prime timide gemme sugli alberi. Sotto le foglie morte, quasi fuori da un lungo inverno, la natura sembra stirare le sue membra, respirare forte, prepararsi a rinascere. Si, come la primavera, anche noi non potremo limitarci a sbocciare. Dovremo esplodere.

IMG_2580 viole

Le viole sembrano farfalle posate sull’erba. Con un po’ di fortuna, pioggia permettendo, si potranno cogliere per tutto il mese, ma nel dubbio, intanto, ho colto queste prime violette dolci, profumatissime, le ho lavate e asciugate bene e le ho congelate, perché all’aria resistono un giorno solo: ne ho lasciata fuori solo una manciata, con cui ho fatto il risotto.

IMG_2576

IMG_2583

IMG_2585

Risotto alle viole

Per 2 persone

180 gr. di riso Vialone Nano

1 litro di brodo vegetale

1/2 scalogno

2 cucchiai di olio evo

1/4 bicchiere di prosecco

una noce di burro

un cucchiaio di parmigiano

una manciata di violette

Per fare un brodo vegetale veloce e saporito lavate, mondate e mettete in una pentola una carota, un gambo di sedano e una cipolla, coprite con un litro abbondante di acqua leggermente salata e fate cuocere 20 minuti dal momento in cui inizia a bollire.

Tritate finemente mezzo scalogno e fatelo soffriggere a fuoco bassissimo pochi minuti in due cucchiai di olio, aggiungete il riso e fatelo tostare alcuni minuti alzando un po’ il fuoco, quindi sfumate con il prosecco. A questo punto iniziate a unire il brodo un mestolo alla volta, girando continuamente il riso in modo che rilasci l’amido e diventi così cremoso. Portate a cottura il riso e solo alla fine, a fuoco spento, unite il burro, il parmigiano e le viole. Servite con qualche fiore fresco di decorazione.

IMG_2590

Le viole si lavano benissimo sotto l’acqua corrente. Possono essere asciugate con l’asciuga-insalata e poi messe in congelatore dentro una bustina o un barattolo. Per farne tisane, infusi, o per rendere un thè più profumato possono essere seccate all’aria, dentro a un cestino di vimini foderato di carta, e poi riposte in un barattolo. Potete anche mangiarle così, direttamente, sdraiati su un prato fiorito in un giorno di sole 🙂

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...