Stagioni. Broccoletti al forno

IMG_2471

Questa di oggi non è proprio una ricetta, ma fa parte della mia personale categoria “cuociamo la qualunque in forno” e la pubblico perché ne sono rimasta molto soddisfatta. Non finisco mai di stupirmi nello scoprire quante verdure si possano cuocere in forno anziché al vapore o in padella e quanto vengano più buone… anche solo perché vengono croccanti! Oltre al fatto che si preparano in cinque minuti e di lunedì, con una settimana intera davanti e un freddo polare che non aiuta, mi sembra di fare anche un’azione socialmente utile 😉

Continua a leggere

Annunci

Il grande freddo e il Curry di zucca e ceci

IMG_3186

Sembra che nel week-end sia in arrivo un freddo allucinante. Ho visto che in rete la chiamano la “sciabolata artica”, e vi lascio immaginare la gioia che noi-frequentatori-delle-sei-e-cinquanta-dell’area-cani possiamo provare nell’apprendere la notizia. Ma cosa non si fa per amore! Con tutto che poi, se vogliamo dircela tutta, il freddo mantiene giovani e se ha da venire che venga, noi ci prepariamo alla grande con guanti, cappelli, sciarpone, e, se la ritrovo, tuta da snowboard 😉

Si, patisco il troppo caldo e il troppo freddo, specie quando arrivano così, senza mezzi termini, mezze misure, mezze stagioni! Dovrei vivere a Fuerteventura, bisogna che ci faccia un pensierino serio: venti gradi tutto l’anno, il mio paradiso in terra 🙂

Continua a leggere

Frutti e gesti antichi. Marmellata di mele cotogne

 

IMG_3167

Le mele cotogne fanno parte di una più ampia classe di frutti dimenticati, come le giuggiole, i corbezzoli, le corniole. Sicuramente le ha dimenticate la grande distribuzione, dove non se ne può trovare assolutamente traccia. Ma io vi sfido anche a indicarmi un fruttivendolo che ancora le commercia. Credo che una parte dell’oblio in cui è caduta questa antica varietà di mele dipenda dal fatto che sono frutti che richiedono una lavorazione per essere gustati, cosa che mal si concilia coi nostri frenetici, stressanti, snervanti tempi post-moderni. Tuttavia credo che mai come in questo caso lo sforzo di riordinare le priorità e ritagliarmi un paio di ore per me  sia valso il risultato, perché posso affermare con certezza che non ho mai assaggiato una marmellata più buona di quella fatta con le mele cotogne.

Continua a leggere