L’abbondanza. Clafoutis ai lamponi e mirtilli con cioccolato bianco e lavanda

IMG_2710

Lo scorso fine settimana sono andata a pranzo con degli amici in un agriturismo biologico nel Chianti. All’ombra di un gazebo bianco abbiamo bevuto vino francese e mangiato del pesce cucinato e presentato in maniera a dir poco strepitosa, con mille contrasti di sapori, guarnito con petali di fiori edibili… insomma, esattamente come piace a me. Era un giorno di sole, il cielo era limpido ed eravamo all’interno del più bel giardino che io abbia mai visto: aiuole rigogliose, ricche della più ampia varietà di piante, fra cui oltre cinquecento tipi solamente di rose, in un infinito, ordinato caos… qua e là per terra c’erano piccole e dolcissime fragoline selvatiche, l’erba era morbida, l’aria profumata, i colori tipici di un film di Sorrentino. Era tutto semplicemente perfetto.

Continua a leggere

Annunci

Il clafoutis all’uva: benvenuto autunno

Ieri mattina, nonostante fosse domenica, mi sono alzata prestissimo. Mi piace salutare le nuove stagioni di prima mattina, prendendomi un po’ di tempo per me, per fare una sorta di cambio degli armadi tutto mentale, osservare il tempo, annusare l’aria. In realtà, dopo un’estate che non aveva molto d’ estate, quello appena iniziato sembra essere un autunno mite, che avevo voglia di inaugurare con un dolce morbido e confortante, da gustare tiepido, poco dopo sfornato, o freddo, magari a metà pomeriggio. Un clafoutis all’uva, dato che è tempo di vendemmia, utilizzando farine di tre ‘amici’ delle mie cene autunnali: il riso, il farro, le castagne.

IMG_1276

Esistono numerosissime ricette di questo dolce francese, disarmante per la semplicità della sua preparazione e per la sua infinita bontà: io ho scelto come base di partenza la ricetta di Giulia che non prevede, a differenza di molte altre, l’aggiunta di burro nell’impasto, per creare il mio clafoutis d’esordio.

 

CLAFOUTIS ALL’UVA

Prendete:

350 gr di uva a cui avrete tolto tutti i semini

3 uova

1 cucchiaio colmo  di  farina di castagne

1 cucchiaio colmo di farina di farro

1 cucchiaio colmo di farina di riso

2 cucchiai di zucchero

1 pizzico di sale

250 ml di latte di riso

burro per la teglia

zucchero a velo per guarnire (opzionale)

E:

Accendete il forno a 180°C. In una ciotola sbattete, con una frusta (anche a mano), le uova con le farine e lo zucchero. Aggiungete un pizzico di sale e, continuando a mescolare, aggiungete il latte a filo per incorporarlo nell’impasto.

Ecco, il più è fatto! Ungete una teglia con il burro e coprite il fondo con l’uva che avrete precedentemente e pazientemente snocciolato, versateci sopra il composto, aggiungete quindi l’uva rimasta e infornate per circa 25 minuti, controllandone la cottura, a seconda che lo preferiate più o meno compatto.

Importante!! Aumentate un pochino la quantità di zucchero se non utilizzate la farina di castagne e il latte di riso.

IMG_1288

 

Raramente questo dolce vede l’alba del giorno dopo: ricordatevi di metterne in salvo un angolino, come ho fatto io, per la colazione del lunedì.